Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘scoperta’

Siamo testardi! Vogliamo a tutti i costi fare in modo che ogni giorno del vostro 2011, sia all’insegna del sorriso, del benessere e dell’ottimismo.

Abbiamo iniziato con l’Agenda dedicata ai nostri amici gatti, abbiamo continuato col sorriso che possono darci le immagini ed i pensieri degli angeli, per continuare con la calma ed il benessere che può donarci lo yoga.

Ed ecco quindi che abbiamo riunito i pensieri dei più importanti rappresentanti del Pensiero Positivo: Eckart Tolle, Deepak Chopra, Louise L. Hay, Norman V. Peale, e tanti altri.

I loro libri rappresentano una svolta, nel modo di affrontare la vita, in maniera più razionale ed attiva, per chi li legge.

A chi ha già avuto questa fortuna, l’Agenda del Pensiero Positivo, fornisce ogni giorno un piccolo consiglio, per tenere sempre presenti nella nostra mente i principi necessari a vivere meglio.

Per chi non conosce ancora il Pensiero Positivo, e magari è anche un po’ scettico, può essere un modo per scoprirlo e diventare più curiosi di conoscere meglio uno di questi autori.

Annunci

Read Full Post »

Una città ancora più estesa, e ancora più antica, comunemente chiamata, da chi ne conosce l’esistenza, l’Antica Metropoli.

Foreste, paludi, palazzi e mercati, frequentati da personaggi di ogni provenienza, e infestati da pericoli di ogni genere.

Emily Laing l’ha scoperta 4 anni fa, quando aveva solo 12 anni, viveva nel terribile orfanotrofio di Rotherhithe, e non sapeva quale fosse il proprio posto nel mondo.

In “Emily Laing e la Maschera di Lilith“, è una ragazza di 16 anni, un po’ ribelle, ed è di nuovo chiamata ad affrontare un nuovo, mortale, pericolo, per Londra ed il mondo intero.

E forse non basterà scendere solo nelle sconfinate profondità dell’Antica Metropoli, ma bisognerà varcare le porte dell’inferno stesso.

Se siete pronti a misurarvi con tutte le leggende europee, egizie, mesopotamiche, indiane, armatevi di una buona mappa di Londra, e seguite Emily Laing nei suoi spostamenti tra i tanti angoli misteriosi di una città senza tempo. Poi, se ci riuscite, resistete alla tentazione di prendere il primo aereo, e volare nella “Città dei Comignoli”…

Read Full Post »

“Immaginate di aver trascorso un bellissimo pomeriggio al mare con un amico. Quando tornate a casa, scoprite che un camion ha appena scaricato una montagna di letame davanti alla vostra porta. Vi sono tre cose da sapere in merito a questo carico di letame:

1)      Voi non l’avete ordinato. Non è colpa vostra.

2)      Dovete tenervelo. Nessuno ha visto chi l’ha scaricato, quindi non potete chiamare nessuno che lo porti via

3)      E’ lurido e offensivo, e il suo olezzo invade tutta la vostra casa. E’ quasi insopportabile.

In questa metafora, il camion carico di letame di fronte alla casa equivale alle esperienze traumatiche che si sono riversate su di noi durante la vita. Come per il carico di letame, vi sono tre cose da sapere in merito alle tragedie che ci capitano:

1)      Non le abbiamo ordinate. E ci diciamo:”Perché proprio io?”

2)      Dobbiamo tenercele. Nessuno, nemmeno i nostri migliori amici, possono portarle via (anche se magari ci provano).

3)      Sono orrende, distruggono la nostra felicità e il dolore che provocano invade tutta la nostra esistenza. Sono quasi insopportabili.

Di fronte a un carico di letame, si può reagire in due modi. Il primo consiste nel portarci appresso il letame. Ne mettiamo un po’ in tasca, un po’ lo infiliamo nella camicia e persino nei pantaloni. Quando ci portiamo appresso il letame, scopriamo di perdere un sacco di amici! Anche gli amici migliori diradano le loro visite.

<<Portarsi appresso il letame>> è una metafora che allude allo stato depressivo, alla negatività o alla rabbia. E’ naturale e comprensibile reagire alle avversità. Ma perdiamo molti amici perché è altrettanto naturale e comprensibile che non vogliano stare con noi, quando siamo così depressi. Inoltre, la montagna di letame non si riduce, mentre l’odore diventa più intenso via via che macera.

Per fortuna, c’è una seconda via. Quando ci ritroviamo con una montagna di letame, facciamo un bel respiro, dopodiché ci mettiamo al lavoro. Tiriamo fuori la carriola, il forcone e la vanga. Con il forcone trasferiamo il letame nella carriola, andiamo sul retro della casa e lo scarichiamo in giardino. Un lavoro faticoso e difficile, ma sappiamo di non avere alternative. A volte, riusciamo a riempire solo mezza carriola al giorno. Però facciamo qualcosa per risolvere il problema, invece di lamentarci e cadere in depressione. Giorno dopo giorno, spaliamo il letame. Giorno dopo giorno, la montagna si riduce. A volte ci vogliono anni, ma arriva il mattino in cui vediamo che il letame davanti a casa non c’è più. Inoltre, in un’altra parte della casa è avvenuto un miracolo. Il nostro giardino è un’esplosione di fiori variopinti. Il loro profumo arriva fino alla strada, tanto che i vicini e i passanti sorridono compiaciuti. Poi l’albero da frutto nell’angolo si è quasi ripiegato su se stesso da quanto è carico di frutti. E i frutti sono così dolci; non se ne trovano di altrettanto buoni. Ce ne sono così tanti che possiamo condividerli con i vicini. Persino i passanti possono assaggiare i frutti miracolosi.”

Questo è solo un assaggio delle numerose storie, spesso davvero divertenti, che Ajahn Brahm utilizza, in “Apri il tuo cuore alla felicità”, per spiegare tante piccole verità sulla “Causa della felicità”, uno dei quattro pilastri dell’insegnamento buddista. Sempre col sorriso sulle labbra. Non diventerete necessariamente buddisti (non è lo scopo del libro), ma imparerete a sorridere di più, e a complicarvi la vita di meno.

Read Full Post »

Proprio così, quando Jane Angelich, l’autrice di “Come essere una suocera perfetta“, ha fatto un’indagine su alcune communities online, sul rapporto tra suocere e nuore, oltre a raccogliere varie lamentele da parte delle nuore, ha rilevato la “costante” esposta nel titolo.

Cosa l’ha spinta a svolgere questa ricerca? Niente di più semplice: stava per diventare una “suocera” anche lei, in seguito al matrimonio del figlio, ed aveva paura di trasformarsi in uno di quei “mostri” che rendono la vita impossibile agli sposi.

Senza la pretesa di fare trattati di psicologia, si è messa quindi a studiare le risposte che riceveva, sia per quanto riguardava le esperienze negative, sia per quelle positive (che per fortuna, sia pur di poco, costituiscono la maggioranza dei casi).

Ne sono emerse 5 situazioni tipiche, che si ripetono in tutti i casi, e che l’autrice espone con uno stile piacevole e divertente, e con un linguaggio diretto (la prima parte, ad esempio, s’intitola “Tenete a freno la lingua”).

Andare d’accordo con le proprie nuore, o le proprie suocere, a quanto pare è possibile, ed è più facile di quel che si può pensare.

La scheda del libro è visibile qui

Read Full Post »

Di cosa parla il libro di Adam J. Jackson, “Le 10 regole della Felicità”?

Beh, contrariamente a ciò che può far pensare il titolo non si tratta di un manuale, non nel senso consueto del termine. E’ la storia di un giovane normale, con una vita normale, un lavoro normale. Un giovane che, come molti di noi in certi momenti “un po’ così”, non si considera una persona felice. Per quanto non abbia particolari problemi di salute, di soldi o di lavoro, non vede un senso nella sua vita e vive sopraffatto dalle preoccupazioni.

Una sera piovosa, tornando a casa, ha un guasto alla macchina. Mentre aspetta il carro attrezzi, incontra un vecchio cinese. L’anziano signore sembra conoscere lo stato d’animo del nostro protagonista, e dopo averne messo in discussione le certezze, sulla felicità e sull’infelicità, si congeda lasciandogli un foglio, contenente le “10 Regole della Felicità”.

In realtà il foglio contiene solo 10 nomi e 10 numeri di telefono. E da qui inizia la storia…

Read Full Post »

Ci hai mai pensato? Ti è stato detto da bambino della presenza dell’angelo custode. Poi sei cresciuto, e come per tante piccole e grandi certezze, l’hai seppellita sotto una coltre di altre convinzioni.

Ma l’angelo, se c’era allora, c’è ancora. Gli autori di “Chiedi al tuo Angelo“, hanno riscoperto queste presenze, che vegliano su tutte le attività umane, e si sono dedicati a studiare tutti i modi con cui si può comunicare, fattivamente, con gli angeli.

Oltre ad accennare alla teoria delle comunicazioni coi “messaggeri” (significato letterale del termine d’origine greco “angelos” ), propongono una lunga ed articolata serie di esercizi per entrare in contatto, e riconoscere man mano i loro messaggi.

Richiamerai l’angelo a cui credevi da bambino?

Read Full Post »

Così inizia uno dei commenti, su Anobii.com, del libro “Il potere di Adesso – Una guida all’illuminazione spirituale”, di Eckhart Tolle.

Difficile parlare in poche righe di un libro, e soprattutto di un autore, che mettono in discussione, in maniera sorprendente, i nostri abituali punti di riferimento, per arrivare a quelle verità, che in realtà abbiamo sempre saputo, e che mille condizionamenti, nel corso della nostra vita, hanno seppellito.

Così ho preferito dare voce ad un lettore, tra le migliaia che hanno conosciuto questo libro (e che col solo passaparola ne hanno decretato il successo), che ha voluto condividere la sua esperienza con gli altri.

Qui di seguito i commenti sulla pagina di Anobii.com, relativa a questo libro

“Un libro che ti fa aprire gli occhi,QUI ED ORA, il momento presente e’ l’unico importante….bello e illuminante, un passo in piu’ sul cammino…”

(altro…)

Read Full Post »

« Newer Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: