Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘spazio’

Gli avvistamenti di UFO sembrano essere aumentati considerevolmente dopo il lancio, da parte dell’Unione Sovietica, dello Sputnik, il primo satellite artificiale.

Fu tutta una suggestione? Gli alieni si interessarono maggiormente a noi, dopo che iniziammo l’esplorazione dello spazio?
I contatti con eventuali extraterrestri, si sono verificati anche durante le missioni spaziali?

Di sicuro le autorità, soprattutto la NASA, hanno sempre studiato con interesse il fenomeno, pur rimanendo, ufficialmente, scettiche sulla possibilità dell’esistenza di razze extraterrestri e delle relative visite al nostro pianeta.

Nick Redfern, nel suo libro “Bufale Spaziali”, raccoglie tutte le leggende che sono nate riguardo ai contatti con gli extraterrestri, nel corso di missioni militari o spaziali, e cerca di capire quanto ci sia di verosimile, sebbene la NASA abbia cercato di censurare tutto, e quanto invece di totalmente infondato. Non mancano anche spiegazioni su come sono nate altre leggende, come la famosa teoria complottista secondo la quale lo sbarco sulla Luna sarebbe stato solo una messa in scena.

Un libro davvero raro, perché non parte da una tesi precostituita, che sia quella di avvalorare la veridicità dei contatti con gli alieni, o al contrario di smentirla a tutti i costi.

Gli extraterrestri esistono, o sono esistiti? La risposta finale, viene lasciata a noi lettori.

Annunci

Read Full Post »

Immagina il futuro, molto lontanto, tra 10.000 anni ed oltre. L’uomo ha colonizzato tutti i pianeti della galassia, ha stabilito relazioni pacifiche con tutte le razze extraterrestri, e soprattutto ha trovato il modo di rendersi immortale. Non tutti hanno accesso all’immortalità, è necessario nascere geneticamente puri, e poi guadagnarsi i prolungamenti della vita, attraverso continue ricerche: la ricerca scientifica è considerata l’unico modo per acquisire i “meriti”, la moneta che permette di progredire fino all’immortalità. Esebian si è costruito la sua strada a modo suo, facendo il killer su commissione, e cambiando continuamente identità, e quando ha deciso di smettere, per prepararsi al salto finale verso la vita eterna, viene costretto ad accettare un ultimo incarico: uccidere il più potente degli immortali: El’Kalentar…

Cosa ci sarà dietro questa congiura? Come cambieranno gli equilibri di potere nell’universo?

Andreas Brandhorst, dopo lo sconvolgente fanta thriller “Aion”, ambienta il suo nuovo romanzo in un Universo lontano ed a suo modo coerente: dimenticate Dune, Star Wars, Avatar, le saghe di Asimov e tutta la fantascienza che già conoscete: l’autore apre in ogni riga alle possibilità che la tecnologia renderà possibile all’uomo tra 10 millenni: macchine integrate col corpo umano, nano robot guaritori, supercomputer senzienti ed autosufficienti, avatar energetici e cloni in carne ed ossa, tunnel spaziali, e una serie incredibile di armi per tutti i tipi di utilizzo, dal singolo omicidio silenzioso, alla battaglia aperta. Una lettura a dir poco coinvolgente, sia per il sofisticatissimo intreccio “giallo”, sia per le infinite sorprese legate all’ambientazione. Se “Aion” vi ha stupito, “I Figli dell’Eternità” vi sorprenderà…

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: