Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘teletrasporto’

Immagina il futuro, molto lontanto, tra 10.000 anni ed oltre. L’uomo ha colonizzato tutti i pianeti della galassia, ha stabilito relazioni pacifiche con tutte le razze extraterrestri, e soprattutto ha trovato il modo di rendersi immortale. Non tutti hanno accesso all’immortalità, è necessario nascere geneticamente puri, e poi guadagnarsi i prolungamenti della vita, attraverso continue ricerche: la ricerca scientifica è considerata l’unico modo per acquisire i “meriti”, la moneta che permette di progredire fino all’immortalità. Esebian si è costruito la sua strada a modo suo, facendo il killer su commissione, e cambiando continuamente identità, e quando ha deciso di smettere, per prepararsi al salto finale verso la vita eterna, viene costretto ad accettare un ultimo incarico: uccidere il più potente degli immortali: El’Kalentar…

Cosa ci sarà dietro questa congiura? Come cambieranno gli equilibri di potere nell’universo?

Andreas Brandhorst, dopo lo sconvolgente fanta thriller “Aion”, ambienta il suo nuovo romanzo in un Universo lontano ed a suo modo coerente: dimenticate Dune, Star Wars, Avatar, le saghe di Asimov e tutta la fantascienza che già conoscete: l’autore apre in ogni riga alle possibilità che la tecnologia renderà possibile all’uomo tra 10 millenni: macchine integrate col corpo umano, nano robot guaritori, supercomputer senzienti ed autosufficienti, avatar energetici e cloni in carne ed ossa, tunnel spaziali, e una serie incredibile di armi per tutti i tipi di utilizzo, dal singolo omicidio silenzioso, alla battaglia aperta. Una lettura a dir poco coinvolgente, sia per il sofisticatissimo intreccio “giallo”, sia per le infinite sorprese legate all’ambientazione. Se “Aion” vi ha stupito, “I Figli dell’Eternità” vi sorprenderà…

Annunci

Read Full Post »

“Non datemi l’amore, non il denaro, non il lavoro, non la famiglia, non la giustizia, quello che voglio è la verità!”. Il protagonista del film “Into the Wild”, dice queste parole, mentre procede nel suo viaggio lontano da tutti e da tutto. E come tutto il viaggio di Christopher, nel film, la ricerca della verità richiede coraggio, apertura mentale, e una sete implacabile della stessa. Per Bruce Goldberg, ha significato addentrarsi alla ricerca di un’altra dimensione, oltre alle 3 dimensioni dello spazio ed al tempo. Oltre l’universo che conosciamo ci sono altri universi paralleli, in cui si può camminare o volare, parlare con il pensiero, andare in avanti o indietro nel tempo, teletrasportarsi e viaggiare verso altre stelle e galassie. Per ogni tipo di esperienza, Bruce Goldberg, autore di “La quinta dimensione”, dà una spiegazione molto pratica e illustra un esercizio di autoipnosi, per provare a riprodurlo.

Sei abbastanza assetato di Verità, per intraprendere questo viaggio?

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: